SOLUZIONI PER L’ACUFENE

Un saluto a tutti, mi chiamo Matteo Pontoni, su questo sito potete trovare qualche informazione su chi sono e cosa faccio, ho deciso di accettare l’invito della dott.ssa Pinatti a scrivere su questo blog perché mi piaceva l’idea di scrivere una volta al mese delle brevi ma utili informazioni per chi soffre di acufeni.

Ho deciso di fare così: ogni ultimo venerdì del mese lo dedicherò alla pubblicazione di una risposta a particolari domande poste da voi lettori ed inoltre aggiungeró qualche riga su quelle che secondo me possono essere delle tecnologie o dei comportamenti utili per gestire l’acufene.

Per ciò potete contattarmi o scrivendo su questo blog o attraverso il form del mio sito!

Che cosa sono gli acufeni?

La definizione  piú intuitiva che appartiene al senso comune li descrive come fischi o ronzii percepiti a livello dell’orecchio o della testa…ma per quanto intuitiva questa descrizione non ci dice niente di più riguardo i meccanismi coinvolti o le possibili soluzione.

Perció secondo me è utile fare uno sforzo in più e capire che cosa significa dire che l’acufene é una percezione uditiva fantasma, cioè una percezione reale in assenza di stimolazione. Fare un’affermazione simile significa considerare che in chi soffre di acufene non vi siano solo meccanismi legati al sistema uditivo periferico (l’orecchio) ma anche le vie nervose che trasportano il segnale.

Perciò si sono sviluppate negli ultimi vent’anni dei trattamenti che vanno ad agire a questo livello. Di seguito vi riporto l’esempio di una tecnologia che secondo me é un sistema interessante.

apparecchio acustico con musica zen trattamento acufene

Cosa fa il programma zen utilizzato dagli apparecchi widex della serie mind ?

Poco sopra si accennava al fatto che vi siano una serie di circuiti nervosi responsabili della percezione cronica dell’acufene, bé uno di questi é quella parte del cervello responsabile delle emozioni.

Vi spiego perché.

I mammiferi, tra cui ovviamente anche la nostra specie, non nascono con delle conoscenze assolute sul mondo, perché questo é molto variabile: i pericoli che ci sono in una piccola cittadina di montagna sulle Alpi sono diversi da quelli che i sono a New York eppure siamo in grado di sopravvivere in entrambi questi luoghi. Perciò l’evoluzione ci ha dotato di emozioni che ci impongono di ricercare ciò che ci fa stare bene e sentire al sicuro e ci fa stare alla larga da ciò che ci da fastidio o che minaccia il nostro benessere.

Le persone che soffrono a causa dell’acufene dicono che é uno stimolo che da fastidio (fastidio=emozioni) questo peggiora se ci si convince che non ce nulla da fare.

Spegnendo questa emozione si puó attenuare il disagio che crea.

Come si fà.

Nel caso sia necessaria una correzione della perdita uditiva la widex (vedi link) ha inventato un dispositivo che oltre all’amplificazione genera una musica come questa che viene regolata al minimo livello percettibile di volume (soglia sovraliminare). Questa stimolazione sonora é finalizzata ad attenuare l’attivazione del sistema delle emoziono(amigdala in particolare). Inoltre questo tipo di melodia cambia di continuo utilizzando un algoritmo frattale: é cioè sempre diversa ma con una melodia ed un timbro costante. L’esperienza fin ora ha dato risultati molto incoraggianti ! Tuttavia aspettiamo ancora la pubblicazione di risultati ufficiali.

Un saluto

Mp

Tags: , , ,

2 Responses to "SOLUZIONI PER L’ACUFENE"

  • francesco says:
  • Fulvio V. says:
Leave a Comment